Campo dell’Osso – Grotta Vale – 08/07/2018

Con Gabriele, Leandro, Giuseppe, Maurizio, Valerio, Marika, Luna e Cesare.

Questa volta ho fatto una eccezione alla regola “grotta una sola volta a settimana”, ieri sono stato a a Falvaterra per la traversata, oggi a scavare a grotta Vale, ogni tanto si puo’ fare. Stavolta anche Luna e’ dei nostri. Quando arriviamo alla grotta il recinto e’ in cattive condizioni. La prima cosa che facciamo quindi e’ quella di rimetterlo a posto.Iniziamo a prepararci, il programma di scavo per oggi prevede l’estrazione dal fondo di un masso di generose dimensioni.Giuseppe scende per sistemarlo a dovere, noi intanto approntiamo il necessario per tirarlo su.Luna e’ interessatissima a tutto questo movimento attorno ad un buco nella terra.Decidiamo di tirarlo su facendo contrappeso. Giuseppe lo accompagnera’ nella salita. Ci siamo, si inizia, Gabriele controlla dall’alto e fa in maniera che il treppiede non si ribalti. Leandro ed io siamo sulla corda a fare da pesi da contrapporre al masso.Ecco Leandro nel pieno delle sue funzioni di contrappesista.Pian pianino il masso sale, e’ una bella fatica ma il vedere Giuseppe che fa capolino dal buco ci rincuora.Ecco il contrappeso al completo. Per far muovere il masso il nostro peso non basta, devo saltellare in piedi sul pedale.Il masso e’ arrivato oltre il bordo. Tra Maurizio,Giuseppe e Gabriele, lo portano fuori dal buco. Al loro via mi tolgo dalla corda e, con una spinta verso l’alto a Leandro, facciamo poggiare il masso a terra dove lo spostiamo in posizione sicura.Ora che abbiamo tolto l’impedimento possiamo riprendere lo scavo.Maurizio e’ pronto per il recupero dei secchi.Leandro in qualche maniera e’ uscito indenne dal contrappeso ed ora e’ pronto per andare a scavare.Oggi non ho voglia di infangarmi quindi faccio supporto esterno. Scendo solo un momento per vedere com’e’ la situazione.A vederla da sotto sembra quasi una grotta vera!La’ sotto, tra la terra, forse c’e’ il pozzo che andiamo cercando.Risalgo per lasciar lavorare i miei volenterosi amici.Iniziamo a portare fuori terra coi secchi.Si sentono delle persone che si avvicinano. Li conosciamo, sono Marika e Valerio. Hanno portato anche i loro cani, Luna inizia subito a giocare con Cesare.Intanto al buco si continua a tirar su terra.Valerio intanto si prepara, e’ venuto a dare una mano.Visto che ora ci sono i rinforzi, Gabriele ed io andiamo a fare un giro. Luna ci accompagna volentieri abbandonando senza rimpianti il suo compagno di giochi. Voglio mostrare a Gabriele un paio dei buchi interessanti che ho visto la volta scorsa.Attraversiamo il piano costellato di doline e di gruppi di persone che fanno pic-nic.La prima tappa e’ ad una grotta conosciuta di cui Gabriele vuole riprendere il punto.Il buco che voglio fargli vedere e’ poco lontano. Pochi passi e ci siamo. Prendiamo il punto anche di questo e partiamo per tornare indietro.Tornando indietro facciamo mille deviazioni per vedere le doline piu’ interessanti.Quando arriviamo al buco che, con molto ottimismo, abbiamo nominato “Grotta Vale”, troviamo Giuseppe e Valerio che scavano di sotto.Mi affaccio per salutare e per chiedere come procede lo scavo.Intanto Cesare decide che e’ il momento di riposare e si appoggia col posteriore su Marika.Valerio ha trovato una possibile prosecuzione, e’ eccitatissimo ed inizia ad urlare “Pozzo! Pozzo! Pozzo!”. Quando risale, ci racconta che spostando un sasso si e’ aperto un passaggio e dopo c’e’ un ambiente. Col suo inguaribile ottimismo stima di aver trovato almeno un pozzo da 10 metri.  Nonostante il pozzo trovato da Valerio, il lavoro da fare rimane tanto. Leandro ha preso commiato da un po’. Anche noi decidiamo che per oggi abbiamo fatto abbastanza. Iniziamo a sistemare le nostre cose. Salgo sull’albero per togliere l’armo del contrappeso.Al ritorno Luna dorme beata tra le nostre attrezzature.La svegliamo per la cena al nostro ristorante di fiducia a Marano Equo.Eccoci a cena. Antipasto coi fichi.Gabriele fa aperitivo con la coca-cola.Io mi consolo con un buon piatto di fettuccine.Il ritorno e’ abbastanza tranquillo, ci avviciniamo a Roma mentre il giorno finisce.Grotta Vale ancora non si concede alle nostre attenzioni ma continuiamo a nutrire speranze per lei e tra qualche tempo saremo di nuovo la’ a provarci. Alla prossima.

Informazioni su fato63

Pratico la speleologia da qualche anno ormai. Mi sono finalmente deciso a tenere un diario delle uscite. Approfitto del blog per renderlo consultabile e commentabile.
Questa voce è stata pubblicata in esplorazioni, speleo, SZS, uscite. Contrassegna il permalink.